spot_img

L’emiro di Al Jazeera


Un tempo poveri pescatori di perle, oggi, grazie al gas e ai petrodollari i qatarini godono di uno dei redditi pro capite più alti del mondo. Mentre l'emiro si spende per accreditare il suo Paese a livello internazionale come fulcro diplomatico nelle delicate negoziazioni per garantire gli incerti equilibri geopolitici dell'area più conflittuale del pianeta.

Un tempo poveri pescatori di perle, oggi, grazie al gas e ai petrodollari i qatarini godono di uno dei redditi pro capite più alti del mondo. Mentre l’emiro si spende per accreditare il suo Paese a livello internazionale come fulcro diplomatico nelle delicate negoziazioni per garantire gli incerti equilibri geopolitici dell’area più conflittuale del pianeta.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Notizie dall’Asia: Hong Kong, Cina, Giappone, Taiwan

Il sorprendente eroismo della Lituania

Kabul sbarca in Europa