spot_img

L’esercito ucraino prova a riprendere Donetsk, mentre chi non può scappare si organizza in rifugi sotterranei


Quattro giorni di bombardamenti durissimi. Esplosioni continue, di giorno e di notte, accompagnate da colpi di kalashnikov e improvvise sparatorie lungo le strade del centro. A tre mesi dalla firma del cessate-il-fuoco - siglato a Minsk il 5 settembre scorso - la battaglia per la conquista di Donetsk si è improvvisamente riaccesa.

Quattro giorni di bombardamenti durissimi. Esplosioni continue, di giorno e di notte, accompagnate da colpi di kalashnikov e improvvise sparatorie lungo le strade del centro. A tre mesi dalla firma del cessate-il-fuoco – siglato a Minsk il 5 settembre scorso – la battaglia per la conquista di Donetsk si è improvvisamente riaccesa.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania