L’esorcismo di Langura tra gli oracoli del Kinnaur


Il demone più temuto si chiama Daphranto, vive tra i villaggi di Koti e Panghi, si muove nel buio, in particolare dopo la mezzanotte e colpisce con gravi malattie o morte impossessandosi del corpo delle proprie vittime, usato poi come mezzo per avvicinarne altre.  Il Kinnaur, nell'Himalaya indiana, è anche terra di magia e sortilegi, eseguiti da stregoni in grado di creare amuleti malefici o di scagliare incantesimi, piegando gli spiriti al proprio volere attraverso tecniche antiche, derivanti dalla tradizione bon ereditata dal vicino Tibet.

Il demone più temuto si chiama Daphranto, vive tra i villaggi di Koti e Panghi, si muove nel buio, in particolare dopo la mezzanotte e colpisce con gravi malattie o morte impossessandosi del corpo delle proprie vittime, usato poi come mezzo per avvicinarne altre.  Il Kinnaur, nell’Himalaya indiana, è anche terra di magia e sortilegi, eseguiti da stregoni in grado di creare amuleti malefici o di scagliare incantesimi, piegando gli spiriti al proprio volere attraverso tecniche antiche, derivanti dalla tradizione bon ereditata dal vicino Tibet.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img