L’INCHIESTA – SPORT E POLITICA (2) – La diplomazia del pallone


La politica sportiva si gioca lontana dai campi. E l’esclusione dell’Italia dai Mondiali non è una sciagura, anzi. Ma occhio alle potenze emergenti.

La politica sportiva si gioca lontana dai campi. E l’esclusione dell’Italia dai Mondiali non è una sciagura, anzi. Ma occhio alle potenze emergenti.

Dimenticate il risultato. Quando il calcio parla di politica non importa come va a finire la partita: certi equilibri non possono dipendere da un imprevisto. Sono frutto di calcolo, rapporti, attenzioni, potere da gestire, posti di comando da dividere e occupare.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia