spot_img

L’India, dove tutto è troppo grande e arcano


Il Paese cammina. Non aspetta. Lontano dalle città la ricostruzione procede veloce. Ma, dopo lo Tsunami, arriva l’onda del business a tutti i costi. A sud di Pondichéry, tra i villaggi più colpiti, non si sente odore di morte: la ricostruzione nei villaggi sprigiona un’energia da far invidia alla vecchia Europa. Ciascuno lavora per tutti, non perché si deve ma perché è logico così.

Il Paese cammina. Non aspetta. Lontano dalle città la ricostruzione procede veloce. Ma, dopo lo Tsunami, arriva l’onda del business a tutti i costi. A sud di Pondichéry, tra i villaggi più colpiti, non si sente odore di morte: la ricostruzione nei villaggi sprigiona un’energia da far invidia alla vecchia Europa. Ciascuno lavora per tutti, non perché si deve ma perché è logico così.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania