spot_img

L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI E IL RUOLO DELLE BANCHE


L'attuale fase della globalizzazione, caratterizzata dalla frammentazione delle catene del valore, ha avuto l'effetto per molte piccole e medie imprese italiane di spostare i legami di subfornitura al di fuori del proprio territorio di riferimento, rappresentato in alcuni casi dal distretto industriale.

L’attuale fase della globalizzazione, caratterizzata dalla frammentazione delle catene del valore, ha avuto l’effetto per molte piccole e medie imprese italiane di spostare i legami di subfornitura al di fuori del proprio territorio di riferimento, rappresentato in alcuni casi dal distretto industriale.

In questo contesto, esportare ed internazionalizzarsi sono diventate per le imprese una strategia necessaria, piuttosto che una opzione, che la crisi cominciata nel 2008 ha reso ancor più impellente. Contemporaneamente anche le banche hanno dovuto fare i conti con l’effetto congiunto della globalizzazione e della crisi, che le ha portate, da un lato, a intraprendere percorsi di internazionalizzazione paralleli a quelli delle imprese e, dall’altro, a rifocalizzare il proprio business verso l’attività creditizia tradizionale, ponendo nuovamente al centro dell’attenzione la relazione con il cliente. Nel rispondere alle sfide con cui sono chiamate a misurarsi, le imprese e le banche possono realizzare fruttuose sinergie, migliorando la relazione tra le une e le altre e valorizzando i vantaggi competitivi connessi alla loro presenza sui mercati esteri. Le imprese possono riuscire meglio ad affrontare i costi fissi, onerosi e non recuperabili, che l’internazionalizzazione comporta. Le banche espandono la loro attività e si focalizzano maggiormente sulla relazione con il cliente, che rappresenta la loro più importante risorsa. Nel presente lavoro si approfondiscono in dettaglio i principali prodotti e servizi bancari, offerti soprattutto dalle banche internazionalizzate, a disposizione delle piccole e medie imprese interessate all’internazionalizzazione commerciale.

Dagli inizi degli anni ’90 i Paesi del G7 hanno visto diminuire rapidamente la loro incidenza sul prodotto mondiale. Accanto ad un effetto “composizione” dovuto al meccanismo di catching-up dei Paesi emergenti vi è per alcuni Paesi avanzati anche la presenza di un effetto “performance” sfavorevole, come ad esempio per il nostro Paese. La globalizzazione, oltre a portare alla ribalta nuovi protagonisti, ha anche inciso radicalmente sulle strategie delle imprese. Soprattutto la “nuova” globalizzazione, legata al progressivo ampliamento dei mercati internazionali di sbocco e di approvvigionamento e alla costituzione di sempre più articolate catene del valore, ha determinato, già prima della crisi, profondi e rapidi cambiamenti nei sistemi manifatturieri di ogni Paese. In questo quadro di cambiamenti epocali assumono sempre maggiore rilevanza per le imprese il posizionamento strategico e le dinamiche all’interno delle filiere globali, dove prevale la tendenza verso una maggiore frammentazione internazionale dei processi produttivi. In particolare, il sistema produttivo italiano si è trovato di fronte alla necessità di dover compiere profonde trasformazioni rispetto al passato, pena la minaccia di non riuscire a far fronte alle nuove sfide globali. Il mutato contesto competitivo ha infatti accentuato la dicotomia tra imprese orientate al solo mercato domestico, fondamentalmente statiche e poco propense all’innovazione, e imprese proiettate sui mercati internazionali, maggiormente dinamiche, più produttive e innovative. Le recenti e ravvicinate crisi finanziarie e economiche (quella dei subprime e quella del debito sovrano dei paesi periferici dell’Europa) hanno intensificato la necessità di rivolgersi verso nuovi mercati più dinamici: di fronte alla profonda stagnazione della domanda interna, rivolgersi ai mercati esteri non è più un’opzione, ma è diventata una strategia necessaria. Lo comprovano i dati del Rapporto ICE 2012-2013, che evidenziano come, dopo il crollo del 2009, nel triennio successivo il numero degli esportatori e i valori esportati siano sempre aumentati, compreso il 2012, anno di pesante contrazione dell’economia italiana. In particolare sono state le PMI a rendersi protagoniste di questa crescita: tra il 2010 e il 2013 la quota delle piccole imprese è aumentata dal 14,6 al 16,4 per cento e quella delle medie dal 30,3 al 32 per cento, mentre l’incidenza delle grandi è scesa dal 55,1 al 51,6 per cento. Parallelamente è proseguita anche l’internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane, come attestano i dati sul numero di partecipate estere e di addetti all’estero, aumentati entrambi dal 2008 al 2012 di quasi il 6 per cento. Queste evidenze confermano come i processi di internazionalizzazione siano ineludibili e come le imprese italiane, anche di piccola dimensione, vi partecipino a pieno titolo, nonostante le enormi difficoltà entro cui si dibattono.

La scelta di internazionalizzarsi non è indolore. Esportare significa per le imprese affrontare immediatamente una serie di costi fissi (sunk costs), elevati e non recuperabili. Tali costi si riferiscono ai numerosi aspetti che l’impresa deve prendere in considerazione quando decide di esportare, tra i quali la raccolta di informazioni sulla domanda e sul regime istituzionale e giuridico-amministrativo del Paese estero, la ricerca delle controparti, la costituzione di una rete di vendita, le strategie di promozione commerciale 4. Costi che si amplificano ulteriormente quando l’impresa internazionalizza la produzione attraverso gli investimenti esteri diretti. L’impatto dei sunk costs varia con le caratteristiche dell’impresa ed appare più forte per le imprese di minore dimensione, meno strutturate delle medie e delle grandi dal punto di vista organizzativo e meno dotate di tecnologie digitali, che meglio consentono sia di acquisire e elaborare le informazioni necessarie per accedere ai mercati esteri sia di predisporre efficaci strategie di internazionalizzazione. Ma, oltre alla barriera rappresentata dai costi fissi iniziali, è proprio lo scenario della competizione globale che impone alle piccole imprese un profondo cambiamento di mentalità. Oggi la concorrenza sui mercati globali non è ad armi pari, cioè imprese tutte della stessa dimensione, tutte soggette agli stessi vincoli normativi, che devono tutte affrontare i medesimi costi per la forza lavoro e per le materie prime. Dalla sfida con le imprese estere più strutturate, talvolta colossi multinazionali, le piccole imprese difficilmente

escono vincitrici: hanno minori capitali da investire in ricerca e sviluppo e quindi minori chance di mettere a punto prodotti e processi competitivi; non hanno la capacità produttiva adeguata per accettare le commesse più grandi; hanno minore forza contrattuale nelle piattaforme di distribuzione globali; hanno minori mezzi da investire in promozione del marchio o dei prodotti. Tutte debolezze che rimandano al problema della insufficiente dimensione delle imprese italiane. È chiaro dunque che le piccole imprese hanno bisogno di contare su interlocutori in grado di ascoltarne i problemi e di proporre soluzioni adeguate. Non sorprende quindi che, come vedremo nel successivo paragrafo, il ruolo delle banche nell’internazionalizzazione delle Pmi sia aumentato d’importanza in questi ultimi anni.

In uno scenario che cambia e che si fa sempre più difficile le banche restano un importante punto di riferimento per le imprese. Approfondiamo allora i motivi alla

base del ruolo chiave degli istituti di credito nel sostegno dell’internazionalizzazione

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img