spot_img

L’Iraq diviso fra un esercito impreparato e gli USA distanti


Continuano i combattimenti in diverse parti dell'Iraq, mentre i bombardamenti americani, iniziati l'8 agosto scorso, hanno superato quota 1100 (conpreso anche quelli avvenuti sul territorio siriano). Gli obbiettivi centrati sono oltre 2300 e comprendono edifici, postazioni di combattimento, mezzi e "obbiettivi legati al mercato nero petrolifero" dello Stato Islamico.

Continuano i combattimenti in diverse parti dell’Iraq, mentre i bombardamenti americani, iniziati l’8 agosto scorso, hanno superato quota 1100 (conpreso anche quelli avvenuti sul territorio siriano). Gli obbiettivi centrati sono oltre 2300 e comprendono edifici, postazioni di combattimento, mezzi e “obbiettivi legati al mercato nero petrolifero” dello Stato Islamico.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione