spot_img

L’Ucraina resta in bilico tra Est e Ovest


Un’imponente statua della zarina Caterina II svetta nella centralissima ulitsa Lenina e tutto intorno è un tripudio di bandiere russe che sventolano dai tetti degli edifici pubblici. Ma non siamo in Russia, bensì nel Sud dell’Ucraina, a Sebastopoli. «La divisione tra Russia e Ucraina è solo sulla carta. È una decisione dei politici, ma la gente non se n’è mai accorta», spiega Yanis, russo di Mosca, trasferitosi da qualche anno in Crimea per avviare un’attività commerciale. Yanis è uno dei circa 250mila russi che vivono a Sebastopoli, costituendone oltre il 70% della popolazione.

Un’imponente statua della zarina Caterina II svetta nella centralissima ulitsa Lenina e tutto intorno è un tripudio di bandiere russe che sventolano dai tetti degli edifici pubblici. Ma non siamo in Russia, bensì nel Sud dell’Ucraina, a Sebastopoli. «La divisione tra Russia e Ucraina è solo sulla carta. È una decisione dei politici, ma la gente non se n’è mai accorta», spiega Yanis, russo di Mosca, trasferitosi da qualche anno in Crimea per avviare un’attività commerciale. Yanis è uno dei circa 250mila russi che vivono a Sebastopoli, costituendone oltre il 70% della popolazione.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania