spot_img

L’utopia al di là del fiume


Stretta tra il Nistru e l’Ucraina, la Transnistria non è riconosciuta da alcun governo al mondo.
Eppure ha una sua bandiera, una capitale, una moneta a corso legale e un Soviet supremo con pieni poteri. Ecco l’ultima delle repubbliche socialiste sovietiche.

Stretta tra il Nistru e l’Ucraina, la Transnistria non è riconosciuta da alcun governo al mondo.
Eppure ha una sua bandiera, una capitale, una moneta a corso legale e un Soviet supremo con pieni poteri. Ecco l’ultima delle repubbliche socialiste sovietiche.

Una coppia di stranieri esce dall’ostello di Tiraspol. Sono olandesi forse, o tedeschi. Timoti si sfrega le mani, questo è il suo bisniz: turisti in gita in questa specie di lunapark sovietico che è la Transnistria.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo