spot_img

La bufala della mail che scagionerebbe i marò


Il periodico Oggi è uscito questa mattina con, cito, "il documento inedito che potrebbe scagionare Massimiliano Latorre e Salvatore Girone". Trattasi di bufalaccia già smontata anni fa, ma visto che in molti me l'avete segnalato via Twitter e Facebook, facciamo un ripasso agile qui.

Il periodico Oggi è uscito questa mattina con, cito, “il documento inedito che potrebbe scagionare Massimiliano Latorre e Salvatore Girone”. Trattasi di bufalaccia già smontata anni fa, ma visto che in molti me l’avete segnalato via Twitter e Facebook, facciamo un ripasso agile qui.

 

 

L’articolo è a firma di Chiara Giannini, collaboratrice di Oggi e di Libero che nelle ultime settimane ha ricominciato a propinare le strampalate tesi della premiata ditta Di Stefano – Tronconi, sostenute in passato da Toni Capuozzo. Per i molti che seguono la vicenda dall’inizio, questi nomi non risulteranno di certo nuovi ma purtroppo sì, siamo ancora fermi lì.

La tesi esposta è la seguente (copio estratti dal pezzo che vedo nella versione online di Oggi):

Si tratta della e-mail con la quale il comandante della Enrica Lexie (sulla quale Massimiliano Latorre e Salvatore Girone erano imbarcati), comunica all’armatore Fratelli D’Amato, ma anche alla nave militare Grecale e al marittime Security Centre Horn of Africa e all’United Kingdom Marine Trade operations, l’avvenuto incidente con un possibile barchino di pirati.

La mail, infatti, è stata spedita alle 19.15 (ora dell’India) e fa riferimento a un’aggressione operata da sei persone armate intorno alle 16. L’armatore del peschereccio S. Antony sul quale persero la vita due pescatori ha sempre raccontato che gli spari li colpirono alle 21.30 (sempre ora indiana).

Il documento spedito a caldo dal comandante, scrive Oggi, prova dunque che si tratta di due incidenti diversi. Girone e Latorre non avrebbero mai incrociato il peschereccio. Ora la loro sorte potrebbe non essere più appesa a un filo.

Tutto chiaro? Bene, ora per punti svisceriamo le imprecisioni della ricostruzione di Giannini.

La mail non era inedita.

Ne ho un’immagine in una cartella sul desktop dal 9 luglio del 2013, me la passò lo stesso Toni Capuozzo dopo che un suo servizio sui marò venne trasmesso in un’edizione del Tg5. Il pezzo, in sostanza, riporta la medesima tesi di Capuozzo/Tronconi/Di Stefano, già contestata prima su l’Espresso e poi sul blog Giap.

 

Freddy non ha sempre raccontato che gli spari colpirono il peschereccio alle 21:30.

Veramente non l’ha mai detto in alcuna dichiarazioni ufficiale, né alla stampa né agli inquirenti. Addirittura sempre su Oggi, il 3 marzo 2012, era comparsa un’intervista rilasciata da Freddy a Fiamma Tinelli (documento sul quale non metterei due mani sul fuoco, però utile nel merito stretto delle deposizioni di Freddy), in cui si legge:

Avevamo lavorato tutta la notte, fino a metà mattina. I miei uomini erano stanchi e si erano messi a dormire. Il mare era calmo, il sole forte. A un certo punto, saranno state le quattro e un quarto del pomeriggio, anch’io ho sentito il bisogno di chiudere un po’ gli occhi. Così ho chiesto a Valentine, il mio secondo, di prendere il timone, e mi sono sdraiato accanto a lui. Era tutto tranquillo. Intorno c’era solo silenzio. E una petroliera che si muoveva lenta». Freddy, però, non fa in tempo ad addormentarsi. Appena chiude gli occhi, sente uno strano rumore, «come un tonfo sordo». Quando li riapre, Valentine è a terra, a pochi centimetri da lui. «Ho temuto che avesse avuto un infarto, e ho chiamato gli altri: “Presto, venite, Valentine sta male”. Ma appena mi sono avvicinato ho visto tutto quel sangue che usciva dal naso e dall’orecchio, continuava a colare. E Valentine aveva un buco nella testa, proprio qui, sulla tempia, un buco nero, e io mi chiedevo: “Perché c’è questo buco, perché perde tutto questo sangue?”. È stato allora che hanno ripreso a sparare. Sparavano dalla nave, dalla petroliera, in due. Ho gridato “state giù, state giù!”. E tutti ci siamo nascosti. Tutti, tranne Ajesh».

Quindi, senza tirare in ballo le dichiarazioni rilasciate sulla stampa indiana, solo andando a spulciare nell’archivio di Oggi abbiamo trovato una prova che smentisce quel “sempre” iniziale. L’orario dell’incidente, per quanto ci è dato sapere dai documenti depositati in tribunale (Alta Corte del Kerala prima, Cort suprema indiana poi) è le 16:30 del 15 febbraio, ora locale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine