spot_img

La Cina risponde alla Spagna: il problema interno del Tibet


Con un ritardo di qualche giorno la Cina ha risposto all'iniziativa della Corte di Cassazione spagnola, circa l'accusa all'ex Presidente Hu Jintao di genocidio contro le popolazioni tibetane.

«Siamo fermamente contrari al fatto che un qualsiasi paese o persona tenti di utilizzare questo tema per interferire con gli affari interni della Cina», ha dichiarato nel consueto briefing settimanale con la stampa estera, il portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying.

Con un ritardo di qualche giorno la Cina ha risposto all’iniziativa della Corte di Cassazione spagnola, circa l’accusa all’ex Presidente Hu Jintao di genocidio contro le popolazioni tibetane.

«Siamo fermamente contrari al fatto che un qualsiasi paese o persona tenti di utilizzare questo tema per interferire con gli affari interni della Cina», ha dichiarato nel consueto briefing settimanale con la stampa estera, il portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Rischi e sfide del Green Deal europeo

Corea del Sud, Cina e Giappone: miti e leggende