La difficile arte di ridere con Allah


Per l’Occidente di oggi “umorismo islamico” pare quasi un ossimoro, ma hai mai versato lacrime per un kebab?

Per l’Occidente di oggi “umorismo islamico” pare quasi un ossimoro, ma hai mai versato lacrime per un kebab?

Le polemiche – e le violenze – provocate tempo fa dalle pubblicazioni delle caricature del Profeta Maometto sul danese Jyllands Posten prima e sul francese Charlie Hebdo poi, hanno rafforzato l’immagine della comunità musulmana come una popolazione che non ride. Emerge un luogo comune secondo cui l’umorismo sarebbe vietato nell’Islam. Eppure, l’Islam ride, seppure a modo suo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img