La diplomazia di Dio


Quella vaticana è tra le più estese reti diplomatiche del mondo.

Quella vaticana è tra le più estese reti diplomatiche del mondo.

“Se il Vaticano è la prima diplomazia del mondo, figuriamoci la seconda!”, diceva l’arguto cardinale Domenico Tardini, Segretario di stato di papa Giovanni XXIII. Allora la rete internazionale della Città Eterna poteva contare su una sessantina di nunzi apostolici, come sono chiamati gli ambasciatori della Santa Sede.

Tardini ci scherzava sopra, ma sapeva di poter contare già allora su un’incomparabile rete che gli permetteva di avere un “occhio” sulla realtà degli stati più importanti dell’Occidente, di tessere relazioni con il potere delle maggiori cancellerie mondiali, di assistere e proteggere le comunità cattoliche presenti.

Oggi la Chiesa cattolica gioca un ruolo ancor più vasto e imponente sullo scacchiere mondiale. E il ruolo di Francesco, il papa argentino venuto “dalla fine del mondo”, ha accresciuto l’interesse delle cancellerie mondiali su un apparato che rivaleggia per capillarità solo con la Cia.  

Il capo di questa rete tentacolare di interscambio con i paesi e le comunità cattoliche del mondo è il Segretario di stato. Il 15 ottobre Bergoglio ha nominato nuovo Segretario di stato l’arcivescovo (oggi cardinale) Pietro Parolin, 59 anni (giovanissimo per i parametri della Curia romana), vicentino di Schiavon, già nunzio a Caracas con esperienze nelle nunziature della Nigeria e del Messico.

Il Papa ha obbedito a quella norma non scritta in vigore dai tempi di Paolo VI che vuole un segretario di stato italiano se il pontefice è straniero e viceversa (con Montini il capo della diplomazia vaticana era il cardinale francese Jean Villot).

Parolin succede al cardinale salesiano Tarcisio Bertone, che ha occupato gli uffici della Terza Loggia del Palazzo Apostolico (sede della segreteria di stato) per oltre sette anni, teologo e raffinato filosofo, con poca esperienza dell’inglese (e del Blackberry). Con Parolin il Vaticano torna alla tradizione diplomatica novecentesca del cardinale Agostino Casaroli, il protagonista della Ostpolitik vaticana, l’uomo che ha contribuito alla caduta del Muro di Berlino e ha portato avanti la politica ecclesiale di Giovanni Paolo II. Il pontificato di Wojtyla fu caratterizzato da una diplomazia aggressiva e impegnata con i suoi numerosi viaggi nel mondo. Durante il suo pontificato le rappresentanze raddoppiarono, rinnovando l’influenza della Chiesa in tutto il pianeta.

“La diplomazia vaticana disorienta spessoi diplomatici classici, perché si dipana anchesul piano pastorale”, ha spiegato recentementeFrançois Mabille, specialista direlazioni internazionali all’Écolepratique des hautes études(EPHE) di Parigi. “In fondola Chiesa è attenta a difenderei suoi valori e proteggere i suoicristiani, ovunque essi siano,cercando accordi pragmatici intutti i paesi”. Il Vaticano ormai intrattienerelazioni diplomatiche con 180 stati del mondo. Ai primi del Novecento erano non più di una ventina. L’attuale diplomazia della Santa Sede può contare su 102 nunzi apostolici, alcuni dei quali coprono più Stati e quasi la metà è italiana. Molti meno rispetto al passato, quando i nunzi, formati ancora oggi alla Accademia diplomatica pontificia di Roma, parlavano quasi esclusivamente la lingua di Dante, oltre al latino e al francese, la lingua dei diplomatici per eccellenza.

L’internazionalizzazione del personale diplomatico della Santa Sede è destinata a crescere, visto che sotto Benedetto XVI sono stati nominati 45 nunzi di cui solo sedici provenienti dall’Italia.

Con la Palestina il Vaticano mantiene relazioni “speciali”. A questi vanno aggiunti i vari ruoli di “osservatori” speciali e permanenti. Come quello all’Assemblea dell’Onu, al Consiglio d’Europa di Strasburgo, alla Fao a Roma, all’Unesco a Parigi. La Santa Sede ha rappresentanze anche con l’Unione europea e il Sovrano militare ordine di Malta.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img