spot_img

La fragilità dell’impalcatura politica


Il futuro dell’Eurozona, preservato a colpi di misure straordinarie sull’orlo del baratro, rimane ancora molto fragile. È bastata la dichiarazione – decisamente avventata – del primo ministro greco Papandreou di voler indire un referendum sul piano di aiuti dell’Ue (poi ritirato il giorno dopo a seguito delle pressioni di Francia, Germania e Stati Uniti) a mettere nuovamente in fibrillazione l’intera area euro.

Il futuro dell’Eurozona, preservato a colpi di misure straordinarie sull’orlo del baratro, rimane ancora molto fragile. È bastata la dichiarazione – decisamente avventata – del primo ministro greco Papandreou di voler indire un referendum sul piano di aiuti dell’Ue (poi ritirato il giorno dopo a seguito delle pressioni di Francia, Germania e Stati Uniti) a mettere nuovamente in fibrillazione l’intera area euro.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania