La Germania potrebbe mettere al bando Huawei


Berlino teme che se Huawei avesse accesso alla nuova rete 5G potrebbe fare spionaggio per conto del governo cinese. La Polonia intanto chiede all’Europa di elaborare una strategia comune, mentre gli Usa indagano su un furto di segreti industriali

Logo di Huawei. REUTERS/Hannibal Hanschke

Berlino teme che se Huawei avesse accesso alla nuova rete 5G potrebbe fare spionaggio per conto del governo cinese. La Polonia intanto chiede all’Europa di elaborare una strategia comune, mentre gli Usa indagano su un furto di segreti industriali

Il quotidiano economico tedesco Handelsblatt ha scritto ieri che la Germania starebbe valutando la possibilità di impedire a Huawei – l’azienda cinese famosa per gli smartphone – di accedere al proprio mercato delle nuove reti 5G. Il timore, condiviso soprattutto dagli Stati Uniti e al momento non supportato da prove, è che attraverso i suoi sistemi di telecomunicazione Huawei possa fare spionaggio per conto del governo di Pechino. L’esecutivo di Angela Merkel, comunque, non ha ancora preso una decisione.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia