spot_img

La marcia nera delle Asturie


“Sono nato a cento metri dal pozzo di Penadrada. Mio padre era minatore, la silicosi lo ha ucciso che era ancora giovane. Ho artrosi alle mani, una spalla rotta. Ma non riesco a vedermi in un altro lavoro. Amo la miniera. La mia vita è la miniera.”

“Sono nato a cento metri dal pozzo di Penadrada. Mio padre era minatore, la silicosi lo ha ucciso che era ancora giovane. Ho artrosi alle mani, una spalla rotta. Ma non riesco a vedermi in un altro lavoro. Amo la miniera. La mia vita è la miniera.”

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania