La Nato passa alla cyber difesa


Che cosa hanno in comune il mondo uscito dalla Seconda guerra mondiale e il mondo di oggi? Quasi niente. Da questa banale considerazione è partito già da anni il ripensamento sulla Nato e sul suo ruolo. L'ancoraggio al principio di difesa collettivo resta fermo, ma cambiano gli obiettivi e le modalità operative di intervento. Fra i nuovi compiti c’è anche quello di difendere i Paesi aderenti da attacchi cibernetici.

Che cosa hanno in comune il mondo uscito dalla Seconda guerra mondiale e il mondo di oggi? Quasi niente. Da questa banale considerazione è partito già da anni il ripensamento sulla Nato e sul suo ruolo. L’ancoraggio al principio di difesa collettivo resta fermo, ma cambiano gli obiettivi e le modalità operative di intervento. Fra i nuovi compiti c’è anche quello di difendere i Paesi aderenti da attacchi cibernetici.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img