spot_img

La nobiltà del vino si chiama Antinori


Prima c’era il Chianti, poi sono arrivati il Tignanello e il Solaia. E per la blasonata casata fiorentina è stato subito un successo senza frontiere, in particolare negli Usa. E ai vigneti in Toscana si sono aggiunti quelli in Puglia, Umbria, Franciacorta e Piemonte per un’estensione di oltre 1.800 ettari. Ma nulla è capitato per caso. Come spiega in questa intervistail capo azienda Piero

Prima c’era il Chianti, poi sono arrivati il Tignanello e il Solaia. E per la blasonata casata fiorentina è stato subito un successo senza frontiere, in particolare negli Usa. E ai vigneti in Toscana si sono aggiunti quelli in Puglia, Umbria, Franciacorta e Piemonte per un’estensione di oltre 1.800 ettari. Ma nulla è capitato per caso. Come spiega in questa intervistail capo azienda Piero

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali