eastwest challenge banner leaderboard

Il ritorno di Perón

Indietro

Macri ha indugiato troppo a riformare il Paese e ora non riesce ad arginare il ritorno di Cristina

I sostenitori del candidato alla presidenza Alberto Fernandez, e la sua compagna di corsa ed ex Presidente Cristina Fernandez de Kirchner, reagiscono a Buenos Aires, Argentina, 27 ottobre 2019. REUTERS/Ricardo Moraes
I sostenitori del candidato alla presidenza Alberto Fernandez, e la sua compagna di corsa ed ex Presidente Cristina Fernandez de Kirchner, reagiscono a Buenos Aires, Argentina, 27 ottobre 2019. REUTERS/Ricardo Moraes

In un clima di grande incertezza economica, si sono svolte ieri le elezioni presidenziali in Argentina. L'appuntamento elettorale è certamente cruciale per il Paese e il suo esito è stato atteso con preoccupazione dai mercati finanziari. 

Quando salì al potere nel 2015, il Presidente Mauricio Macri promise "zero povertà", denunciando la corruzione dilagante durante i 12 anni di Governo di Christina Fernández de Kirchner e del suo defunto marito Néstor Kirchner. Il suo motto era "riportare l'Argentina nel mondo", e invece il Paese negli ultimi anni è sprofondato di nuovo in una crisi nerissima: l'inflazione è schizzata al 56% all'anno e la percentuale della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà è passata dal 29% al 35%. Neppure l'intervento del Fondo Monetario Internazionale (il ventunesimo della storia argentina) è riuscito a risollevare il Paese, perennemente in bilico verso la bancarotta.

Un situazione gravissima a cui l'Argentina risponde affidandosi all'ennesima ricetta peronista: quella di Alberto Fernandez del Frente de Todos (ex capo di gabinetto di Néstor Kirchner) e della sua vice, Cristina Fernandez de Kirchner (sì, ancora lei), che hanno vinto il primo turno rispettando a pieno i sondaggi. Presidente per otto anni, Fernandez de Kirchner nel 2015 ha lasciato un Paese dissanguato dalla spesa pubblica e con la credibilità internazionale ai minimi termini.

Lo sfidante di Macri, Alberto Fernandez, si è presentato con un programma fortemente improntato sul sociale e promettendo la rinegoziazione del debito con il Fondo Monetario Internazionale.

A parte le ricette elettorali - anche se Fernandez appare più moderato rispetto alla sua vice - non è chiaro quale sarà la strategia della nuova amministrazione: tutti temono il ritorno a un populismo senza freni, che affosserebbe definitivamente il Paese.

Purtroppo, l’Argentina è un grande Paese, condannato però da una classe dirigente inadeguata a drammatiche crisi cicliche. Basterebbe poco, visto l’esiguo numero di abitanti (30 milioni, per un Paese grande sette volte l’Italia) e la ricchezza di materie prime e di produzione agricola

Riforme e cultura del lavoro dovrebbero essere i punti di riferimento per conferire competitività a un Paese altrimenti perso in numeri impressionanti e disagi di troppe persone.

@GiuScognamiglio

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA