Navi iraniane provocano Washington

Teheran punta i missili. Le esercitazioni navali nello stretto di Hormuz, via strategica del petrolio

Un marinaio statunitense sorveglia dal ponte sulla USS John C. Stennis mentre si dirige verso il Golfo attraverso lo Stretto di Hormuz, 21 dicembre 2018. REUTERS/Hamad I Mohammed
Un marinaio statunitense sorveglia dal ponte sulla USS John C. Stennis mentre si dirige verso il Golfo attraverso lo Stretto di Hormuz, 21 dicembre 2018. REUTERS/Hamad I Mohammed

La Repubblica islamica dell’Iran ha avviato ieri delle esercitazioni navali nelle acque del Golfo Persico, dallo stretto di Hormuz fino all’Oceano Indiano. Dureranno tre giorni, durante i quali Teheran testerà dei nuovi sottomarini attrezzati per il lancio di missili da crociera.

La dimostrazione militare è l’ennesimo avvertimento lanciato dall’Iran agli Stati Uniti, dopo che lo scorso maggio l’amministrazione Trump ha deciso di ritirarsi dall’accordo sul nucleare e di reintrodurre delle sanzioni commerciali contro Teheran, che l’Unione Europea sta cercando però di aggirare almeno in parte.

Già nel giorno delle celebrazioni per il 40° anniversario della rivoluzione l’Iran aveva testato un missile balistico con una gittata di 1300 chilometri. L’esibizione della propria capacità missilistica serve a Teheran per fare pressione sugli Stati Uniti e sui loro alleati in Medio Oriente, primo tra tutti Israele. Gli Stati Uniti, da parte loro, portano avanti una strategia di isolamento dell’Iran: di recente il Vicepresidente Mike Pence ha premuto sull’Europa affinché si allinei a Washington ed esca dall’accordo sul nucleare.

L’esercitazione navale si svolge nel fondamentale stretto di Hormuz, per il quale passa gran parte del petrolio trasportato via mare. Quest’estate il Presidente Hassan Rouhani aveva minacciato di chiudere lo stretto come ritorsione alle sanzioni americane sull’export petrolifero iraniano. A dicembre gli Stati Uniti avevano risposto inviando la portaerei John C. Stennis nel Golfo Persico, dopo un lungo periodo di assenza da quelle acque. 

@marcodellaguzzo

 

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

Lettere
al Direttore

Giuseppe Scognamiglio risponderà ogni settimana a una lettera inviata dai lettori. Potete far pervenire la vostra lettera via email usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua lettera
al direttore

GUALA
GUALA