eastwest challenge banner leaderboard

Corea del Nord: Trump ci riprova

I due Paesi tornano a dialogare in Svezia dopo il fallimento del vertice di Hanoi, a febbraio. Pyongyang sa che Trump ha fretta di raggiungere un accordo

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump stringe la mano al leader nordcoreano Kim Jong-un mentre si incontrano nella zona demilitarizzata che separa le due Coree, a Panmunjom, in Corea del Sud, 30 giugno 2019. KCNA tramite REUTERS
Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump stringe la mano al leader nordcoreano Kim Jong-un mentre si incontrano nella zona demilitarizzata che separa le due Coree, a Panmunjom, in Corea del Sud, 30 giugno 2019. KCNA tramite REUTERS

Nelle vicinanze di Stoccolma, in Svezia, sono ricominciati ieri i negoziati tra Stati Uniti e Corea del Nord. Nonostante l’incontro improvvisato tra Donald Trump e Kim Jong-un presso la zona demilitarizzata tra le due Coree, alla fine di giugno, le trattative tra i due Paesi sono in stallo da febbraio: da quando, cioè, il vertice di Hanoi (Vietnam) si era bruscamente chiuso con un fallimento. I contatti informali tra Trump e Kim sono comunque proseguiti, senza però sfociare in nessun risultato concreto.

In tutti questi mesi la Corea del Nord si è fatta notare per i numerosi lanci di missili, perlopiù a corto raggio. L’undicesimo test dall’inizio dell’anno è stato condotto proprio pochi giorni fa e ha riguardato, a differenza dei precedenti, un missile balistico a lungo raggio sparato da un sottomarino: l’ultimo lancio di un’arma di questo tipo era avvenuto ben tre anni prima.

I continui test rispondono a una precisa strategia: Pyongyang mette in mostra il suo arsenale davanti a Washington per cercare di sedersi al tavolo dei (complessi) negoziati nella posizione più forte possibile. Kim non ha infatti intenzione di rinunciare alle armi e alle infrastrutture nucleari, come chiesto da Trump; vuole però un allentamento delle sanzioni economiche, una condizione che gli Stati Uniti non accetteranno senza degli sforzi concreti verso la “denuclearizzazione”.

La Corea del Nord è consapevole del fatto che Trump ha bisogno di chiudere in fretta un accordo, che gli permetterebbe di “rispondere” con un successo all’apertura della procedura di impeachment nei suoi confronti. Inoltre, il Presidente ha recentemente rimosso dall’incarico il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, dalle posizioni molto rigide in politica estera. 

@marcodellaguzzo

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA