spot_img

La nuova frontiera del land grabbing


Gli attivisti lo chiamano land grabbing, accaparramento della terra. . Le regioni subsahariane sono il principale mercato planetario. Ma immensi appezzamenti sono disponibili anche in America Latina e Asia. «Tutti investono in Cina per la manifattura. Tutti investono in India per i servizi. Tutti devono ora investire in Africa per il cibo», afferma Ramakhrishna Karuturi, direttore della società agro-floreale indiana già presente nel mercato delle rose e in quello orticolo in Etiopia. È soprattutto l’Africa l’oggetto delle attenzioni degli investitori: il continente che contribuisce solo al 2% del Pil mondiale si sta rivelando di nuovo terra di conquista.

Gli attivisti lo chiamano land grabbing, accaparramento della terra. . Le regioni subsahariane sono il principale mercato planetario. Ma immensi appezzamenti sono disponibili anche in America Latina e Asia. «Tutti investono in Cina per la manifattura. Tutti investono in India per i servizi. Tutti devono ora investire in Africa per il cibo», afferma Ramakhrishna Karuturi, direttore della società agro-floreale indiana già presente nel mercato delle rose e in quello orticolo in Etiopia. È soprattutto l’Africa l’oggetto delle attenzioni degli investitori: il continente che contribuisce solo al 2% del Pil mondiale si sta rivelando di nuovo terra di conquista.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo