La politica corre ai ripari e vara legge anticorruzione


In soli due giorni entrambe le camere del parlamento indiano hanno dato l'ok alla famosa proposta di legge anticorruzione "Lokpal Bill", pietra angolare del movimento animato due anni fa dall'attivista Anna Hazare. Un'epifania sospetta.

In soli due giorni entrambe le camere del parlamento indiano hanno dato l’ok alla famosa proposta di legge anticorruzione “Lokpal Bill”, pietra angolare del movimento animato due anni fa dall’attivista Anna Hazare. Un’epifania sospetta.

Il Lokpal Bill, una legge la cui gestazione risale agli anni ’60, prevede la creazione di un organo ad hoc in grado di indagare e punire episodi di corruzione che coinvolgano politici o impiegati della pubblica amministrazione. Nelle manifestazioni oceaniche che nel 2012 videro l’ascesa del movimento della società civile guidato da Anna Hazare – dalla qui costola nacque l’Aam Aadmi Party di Arvind Kejriwa – la battaglia per l’introduzione del Lokpal Bill era vista come la risposta più determinata e immediata per contrastare la corruzione dilagante nel paese, probabilmente il principale ostacolo che divide l’India dal diventare una superpotenza economica e politica.

All’epoca tutto l’arco parlamentare era unito nel respingere le istanze della piazza (al massimo, far passare una versione della legge molto edulcorata), scavando ancora più in profondità il fosso che divide l’elettorato dalla rappresentanza partitica. Un’opposizione interpretata dagli indiani come l’estrema difesa corporativa della “casta” davanti alla spinta verso il cambiamento arrivata dall’India “migliore”, quella senza connivenze politiche, la società civile.

Dal 2011 ad oggi, evidentemente, il termometro dell’elettorato ha dato segnali inequivocabili: l’indignazione anticorruzione non era un fuoco di paglia destinato a estinguersi passata la frenesia della folla, ma ha invece alimentato un sentimento diffuso di frustrazione, necessità di rivoluzionare il sistema della gestione pubblica in India e provare a ripartire, uscendo dal pantano della crisi economica (che anche l’India, in misura aritmeticamente minore, sta soffrendo sensibilmente da almeno un anno).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale