spot_img

La Polonia alla prova dell’Europa


Il 1° luglio 2011 la Polonia sostituirà l’Ungheria alla presidenza del Consiglio dell’Unione Europea. Per sei mesi il premier polacco Donald Tusk – affiancato dal plenipotenziario alla presidenza Mikolaj Dowgielewicz, dal ministro delle Finanze Jacek Rostowski e dal ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski – dovrà farsi carico dell’agenda del Consiglio, promuovere decisioni legislative e politiche e negoziare compromessi tra gli stati membri dell’Ue.

Il 1° luglio 2011 la Polonia sostituirà l’Ungheria alla presidenza del Consiglio dell’Unione Europea. Per sei mesi il premier polacco Donald Tusk – affiancato dal plenipotenziario alla presidenza Mikolaj Dowgielewicz, dal ministro delle Finanze Jacek Rostowski e dal ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski – dovrà farsi carico dell’agenda del Consiglio, promuovere decisioni legislative e politiche e negoziare compromessi tra gli stati membri dell’Ue.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania