spot_img

La propaganda del Cremlino alla conquista del mondo


Televisioni, giornali, siti web, eserciti di troll. Tutti i modi in cui il governo russo spende palate di dollari per creare una realtà parallela, non più solo a uso e consumo dei cittadini russi. E con successo.

Army of trolls

Televisioni, giornali, siti web, eserciti di troll. Tutti i modi in cui il governo russo spende palate di dollari per creare una realtà parallela, non più solo a uso e consumo dei cittadini russi. E con successo.

RT è la prova. Con i suoi 2mila dipendenti, gli oltre 100 Paesi raggiunti e le sei lingue in cui è trasmessa (oltre al russo, inglese, arabo, spagnolo, tedesco e francese), è lo strumento più efficace con cui il governo russo esporta la propria visione del mondo. Il target non sono più solo i russi, già sedati dall’isolamento mediatico in cui Putin li ha confinati. Ora, la macchina orwelliana del Cremlino vuole esportare nel resto del mondo l’universo parallelo in cui i russi vivono da almeno un anno.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione