La rivoluzione di corsa


Seoud, il ragazzo più veloce del Medio Oriente, corre verso Pechino, poi Londra. Ma si ferma a Piazza Tahrir, sognando la rivoluzione e la democrazia.

Seoud, il ragazzo più veloce del Medio Oriente, corre verso Pechino, poi Londra. Ma si ferma a Piazza Tahrir, sognando la rivoluzione e la democrazia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img