spot_img

La storia e la confessione di Gao Yu


«Quello che ho fatto...ha danneggiato gli interessi nazionali ed è stato un grave errore. Ho imparato la lezione ed ammetto la mia colpa». È quanto ha rivelato alla televisione nazionale la nota giornalista Gao Yu, arrestata dopo una celebrazione privata per i 25 anni di Tiananmen e sospettata di aver rivelato segreti di Stato. Il reato in Cina è punibile anche con la pena di morte.

«Quello che ho fatto…ha danneggiato gli interessi nazionali ed è stato un grave errore. Ho imparato la lezione ed ammetto la mia colpa». È quanto ha rivelato alla televisione nazionale la nota giornalista Gao Yu, arrestata dopo una celebrazione privata per i 25 anni di Tiananmen e sospettata di aver rivelato segreti di Stato. Il reato in Cina è punibile anche con la pena di morte.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione