EN

eastwest challenge banner leaderboard

Open doors

La strada asfaltata di caviale e altre stranezze di Sochi

Indietro

I fuochi d’artificio della cerimonia d’apertura rimbombano ancora sulle montagne di Krasnaja Poliana e, finalmente, lo sport è diventato il tema principale a Sochi. Ma, oltre alle minacce terroristiche, ancora molti aspetti critici rimangono: i Giochi sono i più costosi di sempre, il fasto dei locali dà un’immagine distorta della Russia, e la città è off limits per chiunque voglia manifestare contro il Cremlino.

 

I circassi

I Giochi olimpici invernali si svolgono a poche centinaia di chilometri dalla regione del Caucaso settentrionale, dove i ribelli stanno combattendo per instaurare uno stato islamico, e la preoccupazione per le minacce alla sicurezza poste da un’insurrezione islamica ha fatto salire il livello di allerta.

Le montagne di Krasnaya Polyana sono oggi una lussuosa stazione sciistica piena di turisti, atleti e funzionari olimpici. Il luogo è anche uno dei rifugi preferiti di Vladimir Putin. Ma sotto lo strato di neve e scintillanti opere, sono sepolte le tombe dei circassi morti nelle battaglie del 19 ° secolo contro l’esercito zarista. “Stiamo parlando di tenere le Olimpiadi sopra una fossa comune di circassi”, ha detto Muhammed Cerkesov, il leader della minoranza circassa nel Caucaso del Nord.  I circassi affermano di aver abitato la regione sin dalla preistoria. Nel corso dei secoli hanno combattuto contro gli Unni, i Mongoli e alla fine i russi. Questi ultimi, secondo gli storici, li hanno sradicati dalla loro patria perpetrando una pulizia etnica che ha ucciso qualcosa come 1,5 milioni di persone.

In un video pubblicato su YouTube nel mese di luglio, Dokku Umarov, il leader guerrigliero autoproclamatosi emiro dell’Emirato islamico del Caucaso, ha detto che i russi “vogliono per tenere le Olimpiadi sulle ossa dei nostri antenati, sulle ossa di molti, molti musulmani morti sepolti sulla nostra terra. Noi, come mujaheddin, siamo tenuti a non consentire che accada, utilizzando tutti i metodi che Allah ci permette”. Umarov ha anche invitato i suoi mujaheddin a usare “la massima forza per interrompere questi giochi satanici”.

Sochi è in uno stato virtuale di emergenza: più di 30mila poliziotti sono dispiegati in città, unità dell’esercito pattugliano la zona, e perfino sei sistemi di difesa aerea Pantsir-S sono stati posizionati per proteggere lo spazio aereo. E una nuova legge anti-terrorismo è stato varata per aumentare i poteri contro i terroristi.

L’opposizione e le spese

Dietro la bandiera della sicurezza e della lotta al terrorismo, molto è stato fatto per comprimere la libertà di parola. Il controllo sui giornalisti ammessi a seguire i Giochi è serrato e anche il diritto di manifestare è stato spostato a 12 chilometri da Sochi in una cosiddetta “zona di protesta” che ricorda più una riserva indiana.

Nel tentativo di fornire una contro-informazione sui Giochi, Aleksey Navalny – la figura principale di un’opposizione debole, che pur è arrivato secondo nelle elezioni a sindaco di Mosca lo scorso anno – ha lanciato un sito web (sochi.fbk.info) con una mappa interattiva degli sprechi delle Olimpiadi, come parte del suo progetto “The anti-corruption foundation”.

Putin ha detto che la Russia ha speso per i Giochi circa 6,5 miliardi dollari, ma la stima è molto più vicina a alla cifra di 50 miliardi. Navalny ha contraddetto le dichiarazioni del governo secondo cui le aziende private hanno finanziato oltre metà degli investimenti in Sochi. “Nelle loro dichiarazioni, i funzionari hanno descritto gli investimenti di Gazprom, Sberbank , e delle Ferrovie russe e di altri enti pubblici affiliati come investimenti privati”, si legge sul sito, “ma secondo i principi contabili internazionali questi sarebbero stati considerati investitori pubblici”.

La corruzione sembra essere stato lo sport più popolare a Sochi 2014 finora. “Gli atleti non sono le uniche persone in gara”, ha scritto Navalny . “Anche i funzionari e gli uomini d’affari hanno preso parte ai giochi e li hanno trasformati in una fonte di reddito”.

“I giochi non sono altro che una truffa mostruosa”, ha detto Boris Nemtsov , ex vice primo ministro e ora politico di opposizione. “Putin ha bisogno di questi Giochi per dimostrare la sua grandezza, ma i suoi amici e gli uomini d’affari intorno a lui ne hanno bisogno per scalare le classifiche di Forbes”.

Nel frattempo, un nuovo record mondiale è già stato segnato, prima ancora che i Giochi avessero inizio: la nuova strada che va dalla costa di Sochi alle montagne di Krasnaya Polyana ha raggiunto il costo totale di 9,4 miliardi dollari. Con i suoi 25 km, e un costo di 200 milioni per chilometro, è la strada più costosa del mondo. “Avrebbero potuto lastricarla di platino o caviale e sarebbe costata di meno”, ha detto Nemtsov.

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA