spot_img

La strada della convergenza? Impervia, ma percorribile


Il 2004, un punto di partenza, più che di arrivo, con importanti scelte e sfide aperte. L’ingresso nella UE rinnova il dibattito sul trade-off tra politiche per una convergenza reale e politiche per una convergenza nominale. Ma le due strade non sono necessariamente in controtendenza e oggi tutti i Paesi sono concordi nell’accelerare l’ingresso nell’UME, con il solo vincolo legato alla stabilizzazione fiscale. Resta invece aperto il dibattito sulla politica di cambio ottimale negli anni immediatamente antecedenti l’adozione dell’Euro.

Il 2004, un punto di partenza, più che di arrivo, con importanti scelte e sfide aperte. L’ingresso nella UE rinnova il dibattito sul trade-off tra politiche per una convergenza reale e politiche per una convergenza nominale. Ma le due strade non sono necessariamente in controtendenza e oggi tutti i Paesi sono concordi nell’accelerare l’ingresso nell’UME, con il solo vincolo legato alla stabilizzazione fiscale. Resta invece aperto il dibattito sulla politica di cambio ottimale negli anni immediatamente antecedenti l’adozione dell’Euro.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Rischi e sfide del Green Deal europeo

Corea del Sud, Cina e Giappone: miti e leggende