spot_img

La svolta terroristica dei separatisti in Ucraina


Ancora un’esplosione nel centro di Kharkiv, dopo quelle di dicembre. Oltre la città dell’est anche altri centri a rischio separatista in Ucraina sono stati colpiti, come Odessa e Mariupol. Tanto da far pensare a una strategia del terrore per destabilizzare ulteriormente il Paese. Chi c’è dietro le bombe? C’è una svolta terroristica dei separatisti?

Ancora un’esplosione nel centro di Kharkiv, dopo quelle di dicembre. Oltre la città dell’est anche altri centri a rischio separatista in Ucraina sono stati colpiti, come Odessa e Mariupol. Tanto da far pensare a una strategia del terrore per destabilizzare ulteriormente il Paese. Chi c’è dietro le bombe? C’è una svolta terroristica dei separatisti?


 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania