La Tunisia misura la sua nuova Costituzione


Un ritorno al rigido controllo sulla Rete provoca dubbi sui nuovi diritti civili.

Un ritorno al rigido controllo sulla Rete provoca dubbi sui nuovi diritti civili.

Con l’approvazione della nuova Costituzione all’inizio di quest’anno, la Tunisia emerge dal tunnel definito, a nord e a sud del Mediterraneo, “l’Inverno arabo”– perché, tutto sommato, la famosa “Primavera araba” non ha sortito esiti granché positivi.

Dopo una gestazione di due anni, il documento è il risultato di un farraginoso processo politico, segnato da ripetuti annunci di elezioni, puntualmente rimandate.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img