La Turchia alla ricerca di un centro di gravità economico


Un Medio Oriente dove gli equilibri sono sempre più fluidi e mutevoli e un Mediterraneo che, anche alla luce dei risultati delle elezioni in Grecia, potrebbe presentare risvolti inaspettati. Quel che è certo è che la Turchia di Recep Tayyip Erdogan e Ahmet Davutoglu, se prima giocava su tavoli diversi per acquisire un maggiore rilievo sullo scacchiere internazionale, adesso è ulteriormente incentivata dalla motivazione economica.

Un Medio Oriente dove gli equilibri sono sempre più fluidi e mutevoli e un Mediterraneo che, anche alla luce dei risultati delle elezioni in Grecia, potrebbe presentare risvolti inaspettati. Quel che è certo è che la Turchia di Recep Tayyip Erdogan e Ahmet Davutoglu, se prima giocava su tavoli diversi per acquisire un maggiore rilievo sullo scacchiere internazionale, adesso è ulteriormente incentivata dalla motivazione economica.

 

 Ankara, Turkey Turkey's Prime Minister Tayyip Erdogan (R) and Foreign Minister Ahmet Davutoglu greet their supporters as they leave Friday prayers in Ankara August 22, 2014. Erdogan, who will be sworn in as president next Thursday, named Davutoglu as his future prime minister on Thursday and vowed a power struggle against a U.S.-based cleric he accuses of plotting against him would continue. REUTERS/Umit Bektas

Il 2014 per la Mezzaluna si è chiuso in modo poco brillante con una crescita del 3%, lontano dal quinquennio 2005-2010, sostanzialmente a causa delle ripercussioni della crisi economica in Europa, che rappresenta ancora il 44% dell’export turco. Tuttavia il basso prezzo del petrolio potrebbe dare una spinta significativa all’economia di Ankara, con un immediato effetto sul disavanzo delle partite correnti, tallone d’Achille dell’economia nazionale. In questo contesto, l’esecutivo guidato da Ahmet Davutoglu, ma sostanzialmente diretto ancora dalla lungimiranza di Recep Tayyip Erdogan, sta cercando di ritagliarsi, se non il ruolo di un mediatore, almeno quello di un interlocutore credibile, ottenendo fino a questo momento, almeno sotto questo aspetto, dei risultati non disprezzabili.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img