La UE spinge per una pace duratura in Irlanda del Nord


Il processo di pace in Irlanda del Nord è in gran parte arenato, principalmente a causa della crisi economica e della riduzione del bilancio per iniziative di distensione e progetti di sviluppo: ieri, giovedì, anche il Parlamento Europeo ha mostrato finalmente di accorgersene ed ha approvato una risoluzione.

Il processo di pace in Irlanda del Nord è in gran parte arenato, principalmente a causa della crisi economica e della riduzione del bilancio per iniziative di distensione e progetti di sviluppo: ieri, giovedì, anche il Parlamento Europeo ha mostrato finalmente di accorgersene ed ha approvato una risoluzione.

 

The Jolly Roger flies from a house in the Loyalist Ballymacash estate on the outskirts of the city of Lisburn August 18, 2014. The flag is flown as a warning to non-residents that they are entering a Loyalist Paramilitary controlled area. REUTERS/Cathal McNaughton

L’Europarlamento, non a caso, ha sottolineato la priorità di ridurre la disoccupazione in Ulster, oltre a ricordare la gravità dell’interruzione dei colloqui nel dicembre dell’anno scorso, dovuta ad un insieme di rivendicazioni che andavano dai temi concreti come la spesa sociale a quelli identitari. L’aula ha espresso anche gradimento per la nomina del senatore americano Gary Hart (da parte del Segretario di Stato americano John Kerry) come inviato ai colloqui relativi al processo di pace.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img