spot_img

Idropolitica e relazioni sino-kazake: chi controlla il Lago Balhaš?


Dopo il quasi totale prosciugamento del Lago d’Aral, un altro grande corpo idrico rischia di subire una sorte simile: si tratta del Lago Balhaš, divenuto il più grande dell’Asia centrale. È qui che si gioca lo scontro idro-egemonico tra la Cina e il Kazakistan

Dopo il quasi totale prosciugamento del Lago d’Aral, un altro grande corpo idrico rischia di subire una sorte simile: si tratta del Lago Balhaš, divenuto il più grande dell’Asia centrale. È qui che si gioca lo scontro idro-egemonico tra la Cina e il Kazakistan

L’Asia centrale è una regione particolarmente sensibile dal punto di vista idrico. La scarsità fisica dell’acqua si sente soprattutto a causa di alcune scelte politiche ed economiche che ne hanno intensificato il consumo, esponendo l’ecosistema centro-asiatico a pressioni significative. Sebbene l’attenzione mediatica sia concentrata quasi esclusivamente, e a ragione, sul disastro del Lago d’Aral, un altro grande corpo idrico rischia di subire una sorte simile: si tratta del Lago Balhaš, divenuto il lago più grande dell’Asia centrale dopo la pressoché totale evaporazione dello sfortunato lago uzbeco-kazako.

Un territorio strategico

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Notizie dall’Asia: Hong Kong, Cina, Giappone, Taiwan

Il sorprendente eroismo della Lituania

Kabul sbarca in Europa