Le App che non ce l’hanno fatta


Oltre a rappresentare una magnifica risorsa di informazioni, giochi, curiosità e hobby, l’Apple Store è anche una fonte inesauribile di storie, aneddoti e curiosità.

Oltre a rappresentare una magnifica risorsa di informazioni, giochi, curiosità e hobby, l’Apple Store è anche una fonte inesauribile di storie, aneddoti e curiosità.

Entrare a far parte della famiglia Apple non è una cosa semplicissima: il processo di approvazione delle App, seppur non lungo (qualche settimana) e poco costoso (non più di 100 dollari), può tuttavia risultare enigmatico. E, soprattutto, subordinato a un criterio che non si trova in nessuno dei 22 articoli della Apple’s Guidelines: l’accrescimento del proprio profitto, anche attraverso il rispetto di principi etici.

Facciamo un passo indietro.

Gli sviluppatori indipendenti presentano l’App che intendono realizzare di fronte al Wireless Telecommunication Bureau’s Inquiry di Apple, attraverso l’Apple Designers Program. Ed è lo stesso Bureau a decidere se accettarla, respingerla o chiedere che venga ritirata, attraverso un sistema di controllo che si ispira a criteri non solamente tecnici ma anche “morali”.

L’inventario delle App che non ce l’hanno fatta è lungo ma ecco una lista di quelle che hanno avuto vita più difficile.

Al numero 4:

Obama Trampoline

Questa è una App che è stata sviluppata da Swamiwarecome un simpatico passatempo per gli users della rete. I protagonisti? Barack Obama, John McCain e altri politici “animati”, intenti a lanciarsi dalla scrivania del famoso Studio Ovale per esplodere i palloncini dei colori della bandiera americana…Ritirata.

Al numero 3:

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale