spot_img

Le bamboline dentro la matrioska


Platon Lebedev, dietro le sbarre dal 2003, stava quasi per uscire (il prossimo maggio) quando, nel rivedere il suo caso, il giudice ha ridotto la sua condanna al periodo già trascorso e lo ha liberato immediatamente. Non vi è alcun motivo per non unirsi al coro degli “evviva”, ma le vere ragioni dietro il suo rilascio sono ben lungi dall’essere comprese.

Platon Lebedev, dietro le sbarre dal 2003, stava quasi per uscire (il prossimo maggio) quando, nel rivedere il suo caso, il giudice ha ridotto la sua condanna al periodo già trascorso e lo ha liberato immediatamente. Non vi è alcun motivo per non unirsi al coro degli “evviva”, ma le vere ragioni dietro il suo rilascio sono ben lungi dall’essere comprese.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione