spot_img

MUSICA – Le canzonette odiate da Theodor Adorno


Solo propaganda e, soprattutto, così maledettamente popolari!

Solo propaganda e, soprattutto, così maledettamente popolari!

 

Durante il suo esilio americano negli anni ’40 il filosofo Theodor Adorno amava ripetere che alla radio si ascolta “della bella cattiva musica, e della brutta buona musica”. Le canzonette trafficano con la memoria infantile, coi sentimenti, col subconscio. Per questo sono la manna dei pubblicitari e dei propagandisti d’ogni tipo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img