spot_img

Le fratture interne all’Isis


L’Isis moltiplica i messaggi di propaganda per nascondere i suoi problemi interni. I jihadisti del Levante hanno bisogno di trovare nuove reclute per tenere viva la lotta in Siria e in Iraq. Le perdite, infatti, aumentano, sia in termini di territorio che di vite umane. La sconfitta di Kobane ha costretto lo Stato islamico a rinunciare a centinaia di villaggi tra Siria e Iraq e secondo il Pentagono anche gli attacchi aerei della coalizione anti terrorismo avrebbero ottenuto “importanti risultati”, uccidendo almeno 8500 combattenti.

Ahmed Jadallah

L’Isis moltiplica i messaggi di propaganda per nascondere i suoi problemi interni. I jihadisti del Levante hanno bisogno di trovare nuove reclute per tenere viva la lotta in Siria e in Iraq. Le perdite, infatti, aumentano, sia in termini di territorio che di vite umane. La sconfitta di Kobane ha costretto lo Stato islamico a rinunciare a centinaia di villaggi tra Siria e Iraq e secondo il Pentagono anche gli attacchi aerei della coalizione anti terrorismo avrebbero ottenuto “importanti risultati”, uccidendo almeno 8500 combattenti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Rischi e sfide del Green Deal europeo

Corea del Sud, Cina e Giappone: miti e leggende