Le mappe della discordia


Google sfrutta la tecnologia per offrire una rappresentazione del mondo che accontenta un po’ tutti, ma non sempre...

Google sfrutta la tecnologia per offrire una rappresentazione del mondo che accontenta un po’ tutti, ma non sempre…

Cartografia satellitare, navigatori per auto, smartphone e motori di ricerca su Internet hanno pesato in modo negativo sulle prospettive di mercato di venerabili istituzioni come gli atlanti e le mappe pieghevoli, sempre più materiali da collezione che non da utilizzo comune.

Uno strumento popolare come Google Maps sarà anche meno romantico dell’imponente librone ereditato dal nonno, ma assicura alle sue mappe infiniti livelli di dettaglio, mantenendo per giunta il passo (anche grazie al coinvolgimento dei lettori) con una cronaca geopolitica a dir poco frenetica e non di rado controversa.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema