spot_img

Le migrazioni in tempo di Covid


La pandemia è l'occasione per ripensare le politiche d'asilo e promuovere una comune risposta europea alla migrazione, puntando su integrazione e solidarietà

La pandemia è l’occasione per ripensare le politiche d’asilo e promuovere una comune risposta europea alla migrazione, puntando su integrazione e solidarietà

La migrazione costituisce una delle questioni più complesse che l’Ue deve affrontare. La crisi migratoria del 2015 ha ben evidenziato le lacune del Regolamento di Dublino III, l’insufficienza di Frontex (agenzia di controllo delle frontiere Ue) e i difetti istituzionali insiti nella politica d’asilo. C’è accordo che una riforma sia necessaria, ma opinioni diverse su cosa un’equa condivisione di responsabilità comporti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo