spot_img

Le parole sessiste, misogine e violente della politica indiana


Proprio ora che si è sopita l'indignazione generale per il documentario India's Daughter (con discreto anticipo rispetto all'ottimistica previsione che avevamo fatto qui sul blog), grazie al blog The Ladies Finger abbiamo occasione di analizzare nel dettaglio una delle fonti principali di diffusione dell'ideologia patriarcale sessista in India: le dichiarazioni dei politici.

Proprio ora che si è sopita l’indignazione generale per il documentario India’s Daughter (con discreto anticipo rispetto all’ottimistica previsione che avevamo fatto qui sul blog), grazie al blog The Ladies Finger abbiamo occasione di analizzare nel dettaglio una delle fonti principali di diffusione dell’ideologia patriarcale sessista in India: le dichiarazioni dei politici.

Il collettivo di giornalisti e giornaliste che gestisce il blog è partito da una dichiarazione di Sharad Yadav (Janata Dal United) riportata dall’Indian Express. Durante una discussione in parlamento riguardante una proposta di legge sulla copertura assicurativa nazionale, Yadav se n’è uscito con un commento estemporaneo sulle donne dell’India del sud. Questo:

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania