spot_img

Le violenze dell’Isis fanno scuola anche nelle Filippine


Il gruppo terroristico filippino Abu Sayyaf - vicino ad Al Qaeda che ha recentemente stretto un patto con l’Isis – ha annunciato l’uccisione dei due tedeschi tenuti in ostaggio nel sud del Paese se entro il 10 ottobre non saranno accolte le loro richieste.

Il gruppo terroristico filippino Abu Sayyaf – vicino ad Al Qaeda che ha recentemente stretto un patto con l’Isis – ha annunciato l’uccisione dei due tedeschi tenuti in ostaggio nel sud del Paese se entro il 10 ottobre non saranno accolte le loro richieste.

Soldiers ride in a truck as they patrol a road in Jolo, Sulu, in southern Philippines September 25, 2014. Al-Qaeda linked militants in the southern Philippines have threatened to kill two Germans hostages they have been holding since April unless Germany stops supporting U.S. action against Islamic State militants, the SITE monitoring service said. REUTERS/Stringer

Il gruppo chiede a Berlino di non sostenere l’intervento degli Stati Uniti contro i sunniti dell’Isis in Iraq e Siria e un riscatto di 250 milioni di peso, circa 4,37 milioni di euro. “Se entrambe queste richieste non verranno soddisfatte – ha annunciato un portavoce del gruppo terroristico – decideremo sulla sorte dei due ostaggi”.

L’appello dei cittadini tedeschi alle autorità di Berlino e Manila.

I due turisti tedeschi di 74 e 55 anni, identificati come Stefen Okonek e Henrike Dielen, rapiti nelle Filippine nello scorso aprile mentre erano in mare su una barca a vela nelle acque tra il Borneo e le Filippine meridionali, hanno lanciato un appello a Berlino e alle autorità di Manila: “Ci rivolgiamo al governo tedesco e filippino affinché facciano il possibile. Siamo in una situazione difficile”.

Questa volta l’appello dei due prigionieri non è arrivato con un video – come ormai siamo abituati a vedere nella campagna mediatica dei jihadisti dello Stato islamico – ma attraverso un messaggio vocale. Il gruppo terroristico di Abu Sayyaf ha scelto di affidare le sue minacce di morte all’emittente locale Dxrz della città di Zamboanga, nel sud musulmano dell’arcipelago.

“Non cambieremo politica nei confronti della minaccia dello Stato islamico in Iraq e Siria”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri tedesco. “Le minacce non sono il modo adatto per influenzare la nostra politica”. Ed ha ribadito: “Non ci saranno cambiamenti da parte nostra”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img