Leggermente fuori fuoco


Quando questo libro fu pubblicato per la prima volta nel 1947, l’autore ci tenne particolarmente a riportarvi la dicitura “di Robert Capa, con foto dell’autore”. 

Quando questo libro fu pubblicato per la prima volta nel 1947, l’autore ci tenne particolarmente a riportarvi la dicitura “di Robert Capa, con foto dell’autore”. 

Ciò che pochi sanno, infatti, è che la prima vera passione di Robert Capa fu proprio il giornalismo, che studiò a Berlino presso la Hochschule für Politik fino a quando la recessione mondiale mise i genitori in condizione di non poter più pagargli gli studi. Fu in quel momento che, preso dal bisogno di lavorare, Endre Friedmann, questo il suo vero nome, trovò un posto presso un’agenzia giornalistica. Di lì il passo fu breve: da fattorino divenne assistente della camera oscura e, successivamente, apprendista fotografo.

Fu così che approdò alla fotografia, per puro caso. Sembra quasi assurdo, considerando che Robert Capa è stato uno dei maggiori fotografi di guerra che la storia abbia conosciuto.

Ed è proprio alla guerra e alla sua storia che è dedicato questo diario fotografico che racconta, con stile accattivante e immagini suggestive, le peripezie di viaggio dell’autore e l’atmosfera di quegli anni cruciali: l’Europa, l’Africa, la campagna d’Italia a fianco degli alleati, lo sbarco in Normandia, la liberazione della Francia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img