EN

eastwest challenge banner leaderboard

ITALIA CHIAMA EUROPA

Letterine da Bruxelles

Indietro

Stiamo per assistere a un copione già visto: mentre Salvini fa il burbanzoso, Conte e Tria si affrettano a mediare con la Commissione, danzando sullo spread. Perché in Italia finora di sovrano c’è solo il debito

Non sottovalutiamo la “letterina”, come la chiama sprezzante Matteo Salvini. È firmata dal Vicepresidente della Commissione Europea, il lettone Valdis Dombrovskis, e dal responsabile degli affari economici, il francese Pierre Moscovici. Dice sostanzialmente quello che già sapevamo: l’Italia non ha fatto sufficienti progressi sul debito nel 2018.

In pratica abbiamo aumentato il deficit e il debito senza nessun risultato perché la crescita è andata a zero. Usando una metafora abbiamo dato gas pigiando sull’acceleratore ma la macchina era in folle e il motore si è ingolfato. Dopo la “letterina” lo spread – che è la differenza tra i titoli decennali tedeschi e quelli italiani e misura sostanzialmente la tenuta del nostro debito pubblico – ha ricominciato a salire.

È probabile che nei prossimi giorni assisteremo a un “deja vu” del tutto simile a quanto abbiamo visto l’inverno scorso: dietro i toni burbanzosi del trionfatore delle elezioni europee Salvini, il premier Conte e Ministro Tria intavoleranno una serrata trattativa per evitare che la lettera diventi ammonizione e poi sanzione. Una sanzione da 3 miliardi e mezzo di euro: un quarto di manovra economica. Il leader della Lega non ha certo abbassato i toni, com’era prevedibile. Anzi, ne ha approfittato per illustrare il suo new deal.

L’idea di fondo resta quella di estendere il regime della flat tax, applicata per la prima volta quest’anno alle partite Iva, anche alle famiglie con redditi inferiori a 50mila euro lordi. Un’operazione che, secondo il vicepremier e leader della Lega, costerebbe 30 miliardi di euro, ma che a sua detta si ripagherebbe da sé, almeno in parte, grazie al maggior gettito che garantirebbe dal secondo anno di applicazione. Tesi piuttosto ardita. Un po’ come attutire la caduta prendendosi per i capelli come faceva il barone di Munchausen.

Ora la domanda sorge spontanea: dove prenderemo tutto il denaro occorrente per un’operazione da 30 miliardi (ma a detta di tecnici meno ottimisti ne varrebbe addirittura 50)? A parte la solita “spending review” annunciata nei Ministeri e qualche avanzo raschiato dai fondi stanziati per il reddito di cittadinanza, la risposta è una sola: non potendo stampare moneta e imporre tasse, li prenderemo a debito. Sperando che qualcuno ce lo compri, il debito.  Sforeremo ulteriormente sul deficit, in barba a tutti i vincoli europei possibili e immaginabili, osando ciò che nessun Governo, né quello di Prodi o di Letta, di Renzi e nemmeno di Berlusconi e Tremonti osarono mai fare.

Tutti ingenui premier imprevidenti? Sperare che la prossima Commissione votata dal nuovo Parlamento sia più “mansueta e conciliante” di quella attuale è una pia illusione. Senza contare che oltre alla Commissione avremo il fiato sul collo dei mercati. Se sale lo spread e gli investitori internazionali vendono i nostri titoli di Stato non credendo più alla solvibilità del nostro ipertrofico debito sovrano, servirà a poco fare i sovranisti.

Insomma, stiamo danzando sull’orlo del baratro.

@f_anfossi

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA