spot_img

LGBT, il bicchiere mezzo pieno


Lo scorso sabato almeno 20 attivisti per i diritti LGBT sono stati arrestati dalla polizia a San Pietroburgo. È solo l'ultimo episodio della crescente intolleranza contro gay e lesbiche in Russia. La manifestazione a difesa dei diritti della comunità LGBT avrebbe dovuto svolgersi nel centro di San Pietroburgo, ma i manifestanti sono stati fermati nei giardini di Campo di Marte (Marsovo Pole) da una ventina di estremisti e ultraortodossi. Guidati da un sacerdote , recitando preghiere a voce alta e cantando canzoni religiose, hanno gettato monete contro i manifestanti, colpevoli di aver dispiegato alcune bandiere arcobaleno e striscioni con scritte come «Basta omofobia in Russia».

Lo scorso sabato almeno 20 attivisti per i diritti LGBT sono stati arrestati dalla polizia a San Pietroburgo. È solo l’ultimo episodio della crescente intolleranza contro gay e lesbiche in Russia. La manifestazione a difesa dei diritti della comunità LGBT avrebbe dovuto svolgersi nel centro di San Pietroburgo, ma i manifestanti sono stati fermati nei giardini di Campo di Marte (Marsovo Pole) da una ventina di estremisti e ultraortodossi. Guidati da un sacerdote , recitando preghiere a voce alta e cantando canzoni religiose, hanno gettato monete contro i manifestanti, colpevoli di aver dispiegato alcune bandiere arcobaleno e striscioni con scritte come «Basta omofobia in Russia».

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania