spot_img

Libano, Macron: “Necessario un nuovo esecutivo”


Libano: la seconda conferenza in supporto di Beirut non lascia presagire progressi politici. Ma la posizione francese è chiara: troppi problemi, non c'è fiducia nel prestare denaro

Libano: la seconda conferenza in supporto di Beirut non lascia presagire progressi politici. Ma la posizione francese è chiara: troppi problemi, non c’è fiducia nel prestare denaro

Il Presidente francese Emmanuel Macron in videoconferenza con partner internazionali per discutere degli aiuti umanitari per il Libano all’Elysee Palace a Parigi, Francia, 2 dicembre 2020. Ian Langsdon/Pool via REUTERS

La seconda conferenza in supporto di Beirut e del Libano non lascia presagire sviluppi eclatanti per il Paese dei Cedri. La comunità internazionale guarda la nazione del Vicino Oriente con grande attenzione, visto l’alto valore geopolitico che assume. Da Beirut passano le speranze per una pacificazione dell’intera area, con interessi in gioco che coinvolgono molteplici attori regionali quali Israele, Siria, Palestina, Iran.

“Necessario un nuovo Governo”

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale