EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Libano e Israele: non è mai troppo tardi

Indietro    Avanti

Le delegazioni di Libano e Israele si sono incontrate ieri con la mediazione di Nazioni Unite e Stati Uniti per porre fine alla disputa decennale sui confini marittimi

Il valico di frontiera di Rosh Hanikra con il Libano, a Rosh Hanikra, nel nord di Israele, 13 ottobre 2020. REUTERS/Ammar Awad

Dopo l’apertura del Presidente del Libano Michel Aoun al dialogo con Israele, sembra smuoversi lo stallo che vede i due Paesi non solo in un conflitto latente ma anche bloccati sulla disputa per i confini marittimi. Beirut e Tel Aviv sono ancora formalmente in guerra, ma l’interesse crescente per l’esplorazione dei giacimenti oil&gas nel Mediterraneo orientale potrebbe portarli a un accordo, che metterebbe un freno ad eventuali future e rischiose dispute nei mari.

Le aspirazioni del Libano

Il Generale Bassam Yassine, Presidente della delegazione libanese per le negoziazioni tecniche indirette per la definizione della demarcazione del confine sud con Israele, ha affermato che Beirut spera di giungere a un accordo nell’arco di un periodo di tempo definito ragionevole. “Oggi siamo qui per discutere e negoziare la demarcazione dei nostri confini marittimi sulla base della legge internazionale, l’Accordo di Tregua del 1949 così come documentato dalle Nazioni Unite e l’Accordo Paulet-Newcombe del 1923, in particolare con attenzione su quanto stipulato relativamente alla linea di terra che parte da Ras Al-Naqoura”, ha dichiarato l’esponente militare.

Ancora una volta, il presente di quell’area si scontra e deve fare i conti col retaggio coloniale britannico e francese. In questo caso, la menzione di Yassine rievoca l’accordo ideato dal Colonnello francese Paulet e dal Tenente Colonnello Newcombe relativamente ai confini dei rispettivi mandati. Il trattato segue quello Sykes-Picot, accordo segreto che prende il nome dai diplomatici di Gran Bretagna e Francia che organizzarono la spartizione del Vicino Oriente in sfere d’influenza all’indomani della sconfitta dell’Impero Ottomano.

La posizione di Hezbollah

Il movimento sciita Hezbollah, centrale nella politica istituzionale libanese e alleato del Presidente Aoun, ha fatto sapere che i contatti con Israele non sono un segnale che presto ci sarà la definitiva pace tra i due Paesi. Insieme al partito Amal, il gruppo sciita guidato da Hassan Nasrallah critica la formazione della delegazione libanese, chiedendo in particolar modo la presenza di soli esponenti militari e non politici.

Le aspettative israeliane

A quanto si apprende, Tel Aviv non ha grandi aspettative sull’esito dell’incontro odierno e, sulla falsa riga di quanto dichiarato da Hezbollah, non sarebbe il preludio all’avvio di un processo di normalizzazione dei rapporti. Si sottolinea che quella dei confini marittimi è una disputa minore che riguarda la demarcazione del territorio nel quale si potranno realizzare le esplorazioni. Il Ministro dell’Energia Yuval Steinitz ha inoltre affermato che questo “è un tentativo per chiarire un problema tecnico-economico che per una decina d’anni ci ha impedito lo sviluppo con le risorse naturali, che beneficerà le persone di tutta la regione”.

La mediazione degli Stati Uniti

Molto attiva l’amministrazione di Donald Trump nel cercare di oliare gli ingranaggi della diplomazia internazionale nei confronti di Israele. Dopo gli accordi sottoscritti con Emirati Arabi Uniti e Bahrein, un aiuto anche relativo ai confini marittimi con il Libano sarebbe la positiva conclusione per un percorso ideato con l’ingresso del 45° Presidente alla Casa Bianca e concretizzatosi con i primi colloqui preliminari nel 2019. All’incontro presente anche David Schenker, assistente del Segretario di Stato per le questioni nel Vicino Oriente, responsabile dell’avvio del dialogo tra le due nazioni.

@melonimatteo

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati



La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA