spot_img

Libano, Mikati verso la nomina a Primo Ministro


Dopo i ripetuti fallimenti nella formazione dell’esecutivo, l'incarico al miliardario Najib Mikati potrebbe sbloccare l'impasse che tiene in ostaggio il Paese stremato dalla crisi economica

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Dopo i ripetuti fallimenti nella formazione dell’esecutivo, l’incarico al miliardario Najib Mikati potrebbe sbloccare l’impasse che tiene in ostaggio il Paese stremato dalla crisi economica

La designazione di Najib Mikati a Primo Ministro del Libano sblocca l’impasse che tiene da quasi un anno sulle spine milioni di cittadini stremati dalla crisi economica, permettendo alla comunità internazionale di vedere uno spiraglio nel caos del Paese dei cedri. Ricco uomo d’affari nonché già Primo Ministro per pochi mesi, Mikati guida il movimento Azm, con 3 membri presenti in Parlamento. Le difficoltà nella formazione del nuovo esecutivo rischiano di rimanere le stesse sorte negli ultimi mesi, tra le quali la richiesta da parte del Presidente della Repubblica Michel Aoun del veto sui provvedimenti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img