spot_img

Libano, una polveriera pronta ad esplodere


Non è certo un segreto che la situazione in Libano si sia evoluta in conformità con gli sviluppi della crisi siriana, ma negli ultimi tempi gli scontri a fuoco si sono allargati e, secondo fonti dell’intelligence libanese citate dal quotidiano “The Daily Star”, alcune cellule terroristiche dormienti presenti nel Paese dei Cedri si starebbero organizzando per sostenere l’Isis - lo Stato islamico guidato dal califfo Abu Bakr Al-Baghdadi – e per creare sacche di resistenza nel nord e nel sud del Libano.

Non è certo un segreto che la situazione in Libano si sia evoluta in conformità con gli sviluppi della crisi siriana, ma negli ultimi tempi gli scontri a fuoco si sono allargati e, secondo fonti dell’intelligence libanese citate dal quotidiano “The Daily Star”, alcune cellule terroristiche dormienti presenti nel Paese dei Cedri si starebbero organizzando per sostenere l’Isis – lo Stato islamico guidato dal califfo Abu Bakr Al-Baghdadi – e per creare sacche di resistenza nel nord e nel sud del Libano.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania