Libia: è in corso una guerra per procura tra Egitto e Qatar


Non si ferma la battaglia in Libia tra forze filo-Haftar e gruppi islamisti. I miliziani di Zintan, vicini all'ex agente Cia Khalifa Haftar, autore del tentativo di colpo di stato del maggio scorso, sono in marcia verso la capitale Tripoli.

Non si ferma la battaglia in Libia tra forze filo-Haftar e gruppi islamisti. I miliziani di Zintan, vicini all’ex agente Cia Khalifa Haftar, autore del tentativo di colpo di stato del maggio scorso, sono in marcia verso la capitale Tripoli.

Photo REUTERS/Stringer

Mentre l’aviazione dell’ex generale sta bombardando alcune delle basi delle forze speciali, prese dagli islamisti, nel capoluogo della Cirenaica Bengasi. I gruppi jihadisti avevano infatti riconquistato, dall’inizio di agosto, l’aeroporto di Tripoli e la città di Bengasi.

Ma è anche scontro istituzionale. La Libia ha ora due parlamenti: il primo filo-islamista a Tripoli (Congresso generale nazionale), il secondo filo-golpisti a Tobruk (Camera dei rappresentanti libica). E due premier: il filo-Fratelli musulmani, Omar al-Hassi, e il filo-Haftar, Abdullah al-Thinni. Il governo di al-Thinni ha però rassegnato le dimissioni in attesa della nomina del nuovo esecutivo da parte del parlamento di Tobruk.

I raid su Tripoli e la reazione internazionale

E così sono bastati due raid aerei, che hanno causato trenta vittime, la scorsa settimana, per far precipitare il conflitto. Secondo il New York Times, gli attacchi su Tripoli sono stati perpetrati da Egitto ed Emirati Arabi Uniti (Uae). L’Egitto avrebbe fornito le basi per i raid, mentre gli Emirati avrebbero concesso piloti, aerei e il rifornimento in volo. «Non ci sono aerei militari egiziani impegnati in Libia e l’aviazione non ha partecipato ad un’azione militare nel Paese», ha tuonato il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi per calmare le acque. Sisi, che appoggia la validità del parlamento di Haftar, ha anche annunciato che presenterà un piano per la Libia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia